Chi sono

 

foto Anna Poletto

 

 

 

Sono la Dott.ssa Poletto, Psicologa (n. iscrizione Albo Psicologi Lombardia: 7971), Specialista in Psicoterapia della Gestalt e Ipnoterapeuta.

Significa che ho una laurea quinquennale in Psicologia, conseguita all‘Università di Padova nel 2002, una specializzazione post-universitaria di quattro anni in Psicoterapia, conseguita nel 2008 a Milano presso il Centro Studi Terapia della Gestalt e un Master in Ipnosi conseguito a Milano nel 2015 presso l’A.M.I.S.I., Associazione Medica Italiana per lo studio dell’Ipnosi e Scuola Europea di Psicoterapia Ipnotica .

Nella pratica si traduce in anni di esperienza e di maturazione a contatto con le persone, in una relazione d’aiuto.

Relazione d’aiuto vuol dire che, ad esempio, io e te ci mettiamo in relazione perché tu hai bisogno di aiuto e io intendo offrirtelo.

Stringiamo una collaborazione come persone con due ruoli precisi: io terapeuta, colui che possiede strumenti di indagine e cura psicologica, e tu paziente, colui che patisce un qualcosa, ha un disagio e una sofferenza psicologica di cui occuparsi.

Questo tipo di relazione ci coinvolge anche umanamente, al di là del o dei problemi per cui tu chiedi aiuto, e ci permette di confrontarci e crescere insieme, a prescindere.

Per me gli studi e il lavoro in questo campo hanno significato e significano tuttora crescita e maturazione personale, soddisfazione e nutrimento tratto dall’aiutare gli altri e condividere il loro impegno e i loro cambiamenti.

Gli strumenti che ho maturato nel tempo non riguardano esclusivamente tecniche o competenze teoriche particolari, che “io possiedo”, ma riguardano anche me. Vale a dire che io stessa sono strumento del mio lavoro, “mezzo” per il cammino che l’altro vuole intraprendere nell’aiutare se stesso, nel trovare le risorse per uscire da un momento di difficoltà.

Questo significa mettere in gioco un “come io sono”, oltre che un “ciò che io so o so fare”.

Quello che io ho com-preso ad oggi, è che prima della cura, importante nel momento in cui si evidenziano i problemi, esiste un “esserci”: un essere nel mondo, che ha un suo senso ed un suo equilibrio, per ognuno di noi nel proprio contesto.

Infine, ciò che sento caratterizzare in un modo particolare e profondo il mio lavoro e il mio essere è l’analisi e la drammatizzazione dei sogni, anche mediante l’ipnosi, un metodo attraverso il quale ciascuna persona può acquisire nuove consapevolezze su di sé e sulla sua vita, può imparare a leggere i propri sogni, o cominciare a ricordarli.

Le mie esperienze

Cosa faccio